Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Accettando, acconsenti in automatico all'uso dei cookie.

La Storia

Propensione alla ricerca. Visione a lungo termine.
Rischio e scommessa.

Ecco perché nasce Open Technologies, azienda numero uno in Italia nella produzione di scanner 3d a luce strutturata. Matteo Carocci e Alessandro Patrioli, determinati a voler concretizzare le loro conoscenze universitarie per crearne un business, investono su una tecnologia che, sono certi, sarà il futuro negli anni a venire. Grazie all'aiuto di Gianfranco Chiapparini fondano Open Technologies il 17 Gennaio 2001.

open-technologies-timeline

I primi passi si muovono verso la fornitura di servizi conto terzi. Si sperimentano quelle che sono le reali difficoltà, limitazioni e le effettive richieste di mercato. Tutto ciò che c'era di teorico viene definitivamente abbandonato in nome di una precisa realtà fatta di esigenze specifiche. Questo percorso permette di arricchire il bagaglio di esperienza aziendale che, porterà poi, alla grande svolta del 2006.

Si intensifica il reparto di ricerca e sviluppo (che resterà sempre all'interno dell'azienda) e si decide di scommettere sulla produzione interna di hardware e software. Il primo ostacolo da superare è riuscire a soddisfare l'esigenza del cliente di avere un prodotto che sia il più “automatico” possibile.
Nasce così l'idea di uno scanner pre-tarato, scelta che si rivelerà assolutamente vincente. Qui l'intuizione e la sperimentazione di un'acquisizione active stereo vision: ciò permette di abbattere i costi di produzione consentendo la nascita del primo scanner commercializzato a livello industriale di Open Technologies:
l’ OPTICAL REVENG LE.

Questo prodotto determina la grande svolta dell'azienda, la nascita della vera Open Tecnologies. La compagnia è finalmente indipendente: da un punto di vista hardware (produce internamente i suoi scanner), software (il settore interno di ricerca e sviluppo progetta la prima versione del software Optical Reveng) e dei servizi per le aziende (arricchiti ormai dell'esperienza degli anni precedenti).

Tra i primi campi applicativi rientrano settori quali l'ortopedia, il calzaturiero, la modelleria, la meccanica di stile. Open Technologies si muove quindi verso il ramo dell'industriale, captandone il potenziale e specializzandosi con diversi prodotti, per poter soddisfare le differenti esigenze di settore. Poco dopo si intuisce il successo anche in un altro campo giovane e in continuo aggiornamento: il dentale.

Seguono anni di crescita molto intensa, la quale permette all’azienda di ampliare l'organico interno e strutturarsi in base ai diversi settori in cui ci si sta specializzando.
Si raggiungono così i risultati che portano Open Tecnologies ad essere primo produttore di scanner 3d a livello nazionale, allargando così molto velocemente la rete di distributori in tutto il mondo.


Nel 2016 si parte con il progetto Scan in a Box, uno scanner a luce strutturata inizialmente dedicato ai maker, che si rivelerà ben presto lo strumento ideale dedicato alle aziende che, nel tempo, si stanno digitalizzando

Figlia di esperienza, determinazione e interesse alle nuove tecnologie Open Technologies, come allora, crede che la strada intrapresa sia quella vincente. Perché si è convinti che nella scansione ottica 3d, sia racchiusa la chiave del futuro.

La nostra linea di prodotti copre il settore industriale e dentale, i migliori scanner sono

CRONOS3Dscanner 3d professionale, semplice da usare ed estremamente versatile
AURUM 3Dscanner 3d professionale creato specificatamente per catturare oggetti piccoli, ricchi di dettagli, impiegato soprattutto nella gioielleria
STONE400sistema di scansione 3d adatto in particolare al settore del marmo
DENTALscanner 3d studiati e progettati apposta per il settore dentale